Uomini e fatti di Miglionico

UOMINI E FATTI

.
 
 

Home Page

 
 

 

IL ROMITONE DELLA PORTICELLA (PADRE FRANCESCO DA MONTEPILOSO)

Processione della Madonna dellaq PorticellaNel 1534, sotto il dominio di Pietrantonio Sanseverino, il Pontificato di Clemente VII e l'Arcivescovo Vito Ferrato, viveva  nel Romitorio della Madonna della Porticella Francesco di Montepiloso dei Fraticelli Zoccolanti (francescani), dove visse per molto tempo con fama di santità. Era uomo solitario, taciturno e si affidava all'orazione sia di giorno che di notte; dormiva sopra una tavola o a terra.
Era modico e attento nel mangiare e nel bere. Dai Fraticelli veniva chiamato "Romitone".
Compose per amore di Dio e del prossimo bellissimi, devoti e sacri dipinti per l'alta ispirazione pittrice che aveva. Il suo metodo pittorico era: "attenzione et divozione" (altrettanto attento e devoto era nell'orazione). "Era molto desiderato sul dipingere pareti di chiese, cappelle et sacre case e molte ne dipinse in Miglionico, Matera, Montepiloso etc...".
Nel 1563, essendo superiore del Romitorio, lo ricostruì, lo consolidò, ne dipinse le pareti per servire "li forestieri onde temprare le anime peccatrici in lode e ringraziamento della divina verità che tanta grazia dona".
"Con estrema cura  et santità maneggiò il governo economico... sollecito nell'orazione et nelle opere, curò l'infermità del popolo di questa terra... Zelantissimo nel culto divino e dell'amore dei sofferenti che compativa nelle infermità e sovveniva nella bisogna, li ammoniva in dolcezza, procurando loro... che fossero ben provveduti tanto nel vitto che nel vestito... Richiedeva osservanza regolare esatta e religiosa de la vita cristiana".
"Nel 1570 ricostruì e ampliò una parte del Romitorio per i pellegrini malati e colpiti dal male del corpo e dell'anima: hospitò Padre Eufemio da Miglionico, uomo gran servo di S.O.M.".
"Per non deviare dal dritto sentiero si fece come per guida un trattato di ben governare, cavato dalli famosi scritti di diversi Santi e Beati e questo suo trattato faceva leggere a mensa. Amava lavorare con i colori et i pennelli e dapprima era attento a contemplare, di poi rapidamente tracciava le linee e stendeva i colori così che ottime figure apparivano". "Predilesse  il Romitorio de la Porticella a tal punto da non tornare mai più a Montepiloso e manifestò la carità con amore naturale generato dalla naturale inclinazione a pingere et all'uso dei colori".
"Morì nell'Anno del Signore 1591 carico di lode di meriti e fu deposto nella tomba dentro la Cappella de la Madonna de la Porticella dal gran servo di Dio Abate Innocenzo da Miglionico".

Le notizie sulla presenza del Romitone Francesco da Montepiloso e sulla sua vita sono state ricavate da un manoscritto del 1922 di Don Luigi De Novellis da Miglionico, copiato dal "Liber memoriae" dell'arciprete Don Michele De Ruggieri. ******************************** Luoghi sacri di Miglionico dipinti dal Romitone Fra' Francesco da Montepiloso:
S. Martino, S. Caterina, S. Giacomo, S.Maria all'acqua di nove mesi, S. Maria del Rosaria al Torchiano, SS. Annunziata, Materdomini, S. Nicola al Torchiano, Purgatorio, S. Nicola dei Greci, S. Maria dei Martiri, S. Maria de la Gratia, S. Maria al Monastero, S. Nicola al Castello, S. Maria del Soccorso.
Soggetti dipinti: S.  Andrea, S. Lorenzo, S. Nicola da Bari, S. Antonio Abate, S. Rocco, S. Vito, S, Leonardo, S. Maria de la Croce, S. Maria Addolorata, S. Maria Panariello, S. Maria Salomone, S. Marta, S. Donato, S. Sofia, Madonnella, S. Giuliano al Ponte, S. Maria de la Porticella, Santa Maria Portella, S. Nicola Bradamise, SS. Crocifisso, S. Caterina, SS. Trinità, S. Biagio.

Madonna della Porticella


All rights reserved - Created by Antonio Labriola - 10 Luglio 1999